Archivio mensile:marzo 2010

Flere cum flentibus


Forza ragazzi, mettetevi alla prova


Mettetevi alla prova, il cinema offre tante opportunità, sono mestieri faticosi, duri, ma c’è la possibilità di entrare come
inserviente ed uscirne regista. Così Claudio Sorrentino, la voce italiana di tanti attori stranieri famosi, come John Travolta, Mel Gibson, Bruce Willis, Sylvester Stallone, Mickey Rourke, Topolino e Paperino, e tanti altri, ha esortato i giovani studenti del Liceo Fabraterno a misurarsi con i tanti mestieri del cinema e della televisione. Sorrentino era stato invitato al Liceo di Ceccano, su iniziativa della prof.ssa Stefania Alessandrini, perchè la classe V B del Linguistico sta svolgendo un lavoro di ricerca proprio sull’arte del doppiaggio cinematografico, che in Italia ha la sua massima espressione. Sorrentino è stato accolto da un collage di suoi doppiaggi.

Così prima di parlare i ragazzi hanno potuto sentire i grandi attori del cinema americano con la voce che poi hanno ascoltato lì’ dal vivo e il risultato è stato impressionante, come hanno dimostrato il numero delle domande poste al termine della sua conferenza.

Sorrentino ha anche invitato gli allievi del liceo a tener conto si alcune caratteristiche del lavoro cinematografico: la disciplina, le regole, la collaborazione, il rischio, senza le quali caratteristiche il talento non ha piossibilità di emergere. Al termine ha proposto agli allievi di partecipare ad un casting che si terrà a Roma in piazza Giovanni XXIII, dal 16 giugno al 9 Luglio: mettetevi alla prova, chissà? D’altronde, la nostra è terra di  grandi cineasti: i fratelli Bragaglia, De Sica, Manfredi, Mastroianni, Lollobrigida. Forza ragazzi!

Qui il video con i doppiaggi

watch?v=zqOMqho3HnU

e le immagini della giornata

FOTODOPPIATORE

Nuovi Licei: navigare nelle indicazioni nazionali


Il  MIUR ha posto on line le indicazioni nazionali in un formato navigabile per disciplina e per indirizzo

Trovate tutto qui

index.php?action=riforma&id_m=9550

Come anticipato in occasione della prima pubblicazione delle Indicazioni nazionali degli obiettivi specifici di apprendimento per il sistema dei Licei, si dà avvio a una vasta consultazione che coinvolgerà associazioni professionali e disciplinari, esperti, accademici, sindacati, insegnanti, forum degli studenti e la pubblica opinione.
La bozza del testo, proposta in una duplice navigazione per disciplina e per liceo, potrà essere commentata secondo le stesse modalità con cui si è svolto il dibattito sulla prima stesura del Regolamento di riordino dei licei. I commenti inseriti dagli utenti @istruzione.it sono immediatamente pubblicati, gli altri sono sottoposti ad approvazione redazionale (si raccomanda di abbinare a ogni email un unico nome utente).
Pur nell’assoluto rispetto della libertà di opinione, si richiede agli utenti di osservare i limiti che per consuetudine regolano il confronto pubblico in rete: i commenti diffamatori, offensivi, razzisti, sessisti non saranno pubblicati; sarà applicata la moderazione nel caso in cui il commento risulti non pertinente (off-topic) alle Indicazioni nazionali e al testo specifico di riferimento. Auspicando, comunque, un dibattito aperto e trasparente, la redazione presenterà al singolo utente la segnalazione via email dell’eventuale intervento di moderazione.
Il dibattito sarà aperto per trenta giorni (dal 23/03/2010 al 22/04/2010) e la Commissione appositamente nominata dal Ministro che ha validato la presente stesura valuterà i pareri espressi ai fini della redazione definitiva delle Indicazioni nazionali.

Katyn: il mistero di un crimine mai raccontato


Katyn di Adrzej Waida è il film che farà da introduzione all’assemblea studentesca in programma per sabato 27 marzo, nell’aula magna Francesco Alviti. Basato sul libro Post mortem di Andrzej Mularczyk, il film ha come soggetto l’accordo diplomatico firmato a Londra il 30 luglio 1941 tra il primo ministro del governo polacco in esilio e l’ambasciatore russo, in cui fu stabilito che i militari polacchi, arrestati durante l’invasione sovietica del settembre 1939,  sarebbero stati inquadrati in un nuovo esercito affidato al comando del generale Anders. Mancarono però all’appello 15.000 soldati, dei quali circa 8400 ufficiali. Nell’ aprile 1943 i tedeschi scoprirono nella foresta di Katyn, vicino a Smolensk, fosse comuni con migliaia di soldati e ufficiali polacchi. La colpa di quel massacro fu subito attribuita agli stessi tedeschi. In realtà Stalin il 5 marzo 1940 aveva firmato l’autorizzazione alla sua polizia politica per uccidere i prigionieri di guerra polacchi. Solamente il 13 aprile 1990 a Mosca, durante l’incontro con il presidente polacco Jaruzelski, Gorbaciov ammise la responsabilità sovietica e disse: “E’ doloroso ma indispensabile parlare oggi di quella tragedia. Il cammino del rinnovamento e della comprensione passa solo attraverso la verità”. Andrzej Waida é nato nel 1926 e dal suo primo LM (I dannati di Varsavia, 1959) ha attraversato mezzo secolo di cinema, diventando uno dei maggiori cineasti europei. Testimone attento e rigoroso non solo del suo tempo ma anche del passato, fatto di ferite dolorose, della sua Polonia. Il grido di rabbia che sale dalla ricostruzione di questa vicenda é profondo e lancinante, e tuttavia mai rancoroso. Wajda non cerca rivincite, non vuole vendette ma spera di portare un contributo ad una ricostruzione non più faziosa e parziale della tragedia della seconda guerra mondiale. Film scarno, essenziale, magistralmente costruito, capace di arrivare dentro l’anima e lasciare ansia di partecipazione, di condivisione, di gridare ad alta voce la voglia di pace e di comprensione universale.

L’introduzione al film sarà curata da Enza Venditti, dottoressa in Letteratura, musica e spettacolo.

Una voce… mille storie; Sorrentino parla ai liceali


La voce di  John Travolta, Mel Gibson, Bruce Willis, Jeff Bridges, Willem Dafoe,  Geoffrey Rush, Bud Cort, Tim Matheson, Sylvester Stallone, Mickey Rourke, Gerard Depardieu, Ryan O’Neal, William Hurt, David Keith, Carl Weathers, Robert Beltran, Bruce Davison, Phil Davis, Bruce Spence, Bruce Davidson Daniel Day-Lewis A.J. Benza Gary Oldman Michael Tucci  e tanti altri: Claudio Sorrentino, uno dei più importanti doppiatori italiani, sarà venerdì mattina, 26 marzo,  al Liceo di Ceccano per presentare agli allievi l’arte del doppiaggio, una delle più raffinate espressioni della cinematografia mondiale. Una voce … mille storie è il titolo dell’incontro che si inserisce nell’ambito delle attività legate alla storia del Cinema nel liceo fabraterno. L’incontro con Claudio Sorrentino avrà inizio alle 9 e coinvolgerà alcune classi del Liceo insieme ai ragazzi del gruppo Cinema che hanno partecipato già a diverse iniziative programmate dall’istituto. L’iniziativa dell’incontro con Claudio Sorrentino è stata presa nell’ambito dell’area di progetto della classe V B ed è stata curata dalle professoresse Alessandrini e Marro.

Qui informazioni su Sorrentino ed alcuni saggi della sua voce

vocicsor.htm

Ricevimento dei genitori, aprile 2010


Si comunica che la consegna del pagellino e i colloqui con i genitori per l’illustrazione dei livelli di profitto di metà quadrimestre  avranno luogo mercoledì 7 aprile per le classi del biennio (orario 15-17,30) e giovedì 8 aprile per le classi del triennio (15-18)

I genitori, prima di essere ricevuti dai singoli docenti, dovranno ritirare la copia del pagellino dal coordinatore di classe, che indicherà esplicitamente con quali insegnanti sarà indispensabile parlare.

Iscrizioni, venerdì 26 ultimo giorno


Scade venerdì 26 marzo il termine ultimo per  iscriversi al Liceo

qui tutte le indicazioni necessarie

iscrizioni-classi-prime

Alunni stranieri a scuola, i dati


Si discute spesso sul numero degli alunni stranieri nelle scuole italiane. Ecco il rilevamento statistico relativo al mese di marzo 2010.

focus_in_breve_1_2010.pdf

Nuove idee per la scuola: lo sviluppo sostenibile


Educazione ambientale con il WWF

render.aspx?content=0&root=582〈=en-US

Le linee guida per l’educazione allo sviluppo sostenibile

direttiva educazione sviluppo sostenibile

Viaggi e stages, riunione genitori


Venerdì 26 marzo, alle ore 17, in aula magna, si terrà la riunione dei genitori degli allievi partecipanti ai prossimi viaggi d’istruzione e stages: Venezia per le classi II A, II B e II D, Sicilia per le IV; Inghilterra per le I e le II, Inghilterra per la IV B (Comenius).
Si prega di non mancare

Libri di testo: le norme


L’adozione dei libri di testo per l’a.s. 2010 – 2011, è regolata dalle norme previste dalla CM  10 febbraio 2009, n. 16, disponibile qui

cm016_09.pdf

integrate dalla CM n. 23 del 4 marzo 2010, rintracciabile qui

?p=2565

Nuovi Licei, il presidente Napolitano emana il regolamento


Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il 15 marzo 2010, ha emanato il regolamento dei Licei.

Qui i testi ufficiali

index.php?action=lettura&id_m=7782&id_cnt=9667

Le indicazioni nazionali, materia per materia


Di seguito, le indicazioni nazionali, disciplina per disciplina, della nuova scuola secondaria superiore, per il Liceo Scientifico e per il Linguistico

Indicazioni nazionali Lingua e letteratura italiana

Indicazioni nazionali Latino Scientifico e Scienze umane

Indicazioni nazionali Latino Linguistico

Indicazioni Nazionali Matematica Scientifico

Indicazioni Nazionali Matematica Classico Scienze umane Musicale Linguistico

Indicazioni nazionali Lingua e cultura straniera 1 tutti i licei tranne linguistico

Indicazioni nazionali Lingua e cultura straniera 1 e 2 Linguistico

Indicazioni nazionali Lingua e cultura straniera 3 Linguistico

Indicazioni nazionali Scienze Naturali Scientifico

Indicazioni nazionali Scienze Naturali Classico Linguistici Scienze umane

Indicazioni nazionali Disegno e Storia dell’arte

Indicazioni nazionali Storia dell’arte Classico Linguistico Scienze Umane

Indicazioni nazionali Filosofia

Indicazioni nazionali Storia e Geografia

Indicazioni nazionali Scienze motorie

Le Indicazioni nazionali degli obiettivi specifici di apprendimento per i licei rappresentano la declinazione disciplinare del Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione dei percorsi liceali che si riporta qui di seguito

?id=725X1342&site=liceoceccano.wordpress.com&url=http%3A%2F%2Fliceoceccano.files.wordpress.com%2F2010%2F02%2Fprofili_licei_regolamento_definitivo.pdf
Nella redazione delle Indicazioni, così come è avvenuto per il Profilo, si è fatto riferimento a quanto  stabilito dal Processo Europeo di Lisbona e si sono definite delle  linee  guida  che possano costituire un riferimento preciso per il lavoro degli insegnanti, valorizzandone al tempo stesso il necessario apporto personale e professionale.
La redazione di questa bozza è frutto di un lavoro svolto da un gruppo tecnico formato da Sergio Belardinelli, Giorgio Bolondi, Giorgio Chiosso, Max Bruschi, Paolo Ferratini, Gisella Langé, Andrea Ragazzini, Luca Serianni, Elena Ugolini e Nicola Vittorio, che ha coinvolto personalità del mondo accademico, della cultura e della scuola.

Si è scelto di orientare la stesura delle Indicazioni secondo un modello che non indulgesse a tecnicismi e  fosse accessibile all’intera comunità scolastica. Per ogni materia è stato redatto un profilo generale che comprende una descrizione delle competenze chiave  e prosegue con  la descrizione degli obiettivi specifici di apprendimento, articolati per nuclei disciplinari relativi a ciascun biennio e al quinto anno. Tali obiettivi sono stati calibrati anche alla luce dei quadri di riferimento previsti dalle rilevazioni  nazionali e internazionali sugli apprendimenti e  tenendo conto dei loro risultati,  con lo scopo di intervenire sulle aree critiche  evidenziate.  L’obiettivo è far sì che lo studente, al termine del percorso liceale, sia in possesso delle conoscenze, delle abilità e delle competenze indispensabili per il proseguimento degli studi superiori e per continuare ad imparare e ad aggiornare le proprie conoscenze  lungo tutto l’arco della sua vita.
Aver identificato i nuclei essenziali delle discipline lascerà un ampio margine alla libertà delle istituzioni scolastiche e dei docenti, per poter progettare percorsi scolastici innovativi e di qualità, tarati sulle esigenze di ciascun istituto, di ciascuna classe e di ogni studente.
Si tratta di un decisivo cambio di rotta, che mira a superare l’astratto enciclopedismo, a tutelare la libertà di insegnamento, ma soprattutto a garantire allo studente una preparazione solida e fondata sulla consapevolezza critica.

Si tratta ancora di una bozza su cui verrà aperta una consultazione nazionale, cui tutti potranno contribuire. Intanto è un’utile lettura per capire come sarà la nuova scuola secondaria superiore in Italia

I volti del Duce


I volti del Duce. Ancora un appuntamento ghiotto e interessante presso il Liceo Scientifico e Linguistico di Ceccano. Martedì 23 marzo, dalle 15 alle 18, nell’ambito del seminario “35 mm di Storia” tenuto anche quest’anno dal Prof. Massimo Cardillo, storico e critico cinematografico nell’Aula Magna “Francesco Alviti”, si affronterà un argomento poco frequentato nella prospettiva tutta particolare del cinema di finzione: “I volti del Duce”, ovvero Mussolini nella televisione e nel cinema dal 1945 ad oggi. In attesa della seconda parte già programmata, questa volta si parlerà di alcune produzioni per il grande e piccolo schermo che offrono del personaggio storico un ritratto particolare, talvolta aneddotico, altre volte intensamente drammatico, illuminando così aspetti poco considerati dalla storiografia ufficiale e, di converso, estremamente funzionali alla macchina dello spettacolo.

E’ necessario anche sottolineare che si tratta di opere che ci parlano in maniera approfondita  e trasversale non solamente dell’uomo-Mussolini e della sua epoca, ma anche delle tensioni politiche e sociali degli anni in cui le stesse pellicole sono state realizzate. Una sorta di analisi della storia italiana del dopoguerra per interposta persona: vale anche e soprattutto per il cinema l’acuta riflessione di Benedetto Croce secondo cui la Storia è sempre Storia al presente. Tra le citazioni e gli spezzoni che verranno proposti agli studenti, ai docenti e a chi vorrà intervenire, ci saranno quelli tratti da “Il giovane Mussolini” di Gianluigi Calderone, con un intenso Antonio Banderas nel ruolo del Benito socialista fino alla sua espulsione dal partito, e con una notevole Claudia Koll completamente immersa nel difficile ruolo di Rachele giovane (sull’argomento, Cardillo ha di recente pubblicato un saggio in un volume miscellaneo dedicato a Nicola Piovani, prestigioso autore della colonna sonora).

Nel pomeriggio troveranno spazio anche due significativi esempi di un modo che fu – anni ’50, ’60, ’70 – di fare racconto televisivo: “Le radiose giornate” del regista Marco Leto, con Giancarlo Pannese nel ruolo di Mussolini, e “L’impresa di Fiume” di Fausto Castellani (strepitosa sceneggiatura di Fabio Carpi) all’interno della mitica serie “TeatroInchiesta” con Marcello Tusco in un ruolo fortemente ambiguo nei confronti del Vate D’Annunzio. Mario Adorf si mostrerà poi come un luciferino politico avviato ormai sulla strada della dittatura e del restringimento delle libertà individuali e costituzionali nel più famoso “Il delitto Matteotti” di Florestano Vancini, in cui, seppur in una breve parte, giganteggia la figura di Vittorio De Sica nel ruolo del giudice istruttore.

Un altro volto di Mussolini  sarà quello di Luciano Catenacci nel film di Damiano Damiani “Girolimoni” con Nino Manfredi, che, nella parte del capro espiatorio riesce a far vibrare tutte le corde del suo smisurato repertorio. Chiuderà il pomeriggio un’analisi dei rapporti tra Mussolini e la sua figlia prediletta attraverso immagini tratte dallo sceneggiato “Edda” di Giorgio Capitani con Alessandra Martines nel ruolo della protagonista e con Massimo Ghini in quello del marito/delfino Galeazzo Ciano. Nel corso dell’intervento, inoltre, verranno fatti ascoltare passaggi significativi e inediti di interviste di Cardillo a Leto, Vancini e Damiani.

“… metteva l’amore sopra ogni cosa”


La poesia della vita: questo il tema della Giornata Mondiale della Poesia al Liceo fabraterno, secondo le indicazioni dell’Unesco. Al centro dell’attenzione ci sarà Fabrizio De André nel 70° anniversario della sua nascita. Le canzoni del cantautore ligure saranno esaminate dunque dal punto di vista del contributo poetico alla comprensione del mondo contemporaneo. Le canzoni di De André, poesia della vita, saranno presentate dall’Associazione Artistica Pontina La Torretta nell’aula Magna Francesco Alviti, lunedì 22 marzo 2010 alle ore 9, in due spettacoli che coinvolgeranno numerose classi dell’istituto fabraterno. Il titolo dello spettacolo è “…metteva l’amore in ogni cosa”. La manifestazione è stata curata dai professori D’Annibale e Lombardi.

Gli allievi francesi in visita a Ceccano: le foto


Qui le foto della visita degli allievi francesi, ospiti del Liceo, al Comune di Ceccano e al castello. Nella sala consiliare del Comune, i ragazzi francesi sono stati accolti dal sindaco Ciotoli che li ha salutati a nome dell’intera cittadinanza. I ragazzi erano accompagnati dal preside Giuseppe Giacomobono e dalla prof.ssa Lucie Zorzi, responsabile delle attività di scambio internazionale del Liceo. Dopo i saluti ed un piccolo rinfresco, i ragazzi hanno visitato la sala del mosaico che è stato loro illustrato dall’archeologa Antonella Ruspantini. Sono poi saliti al Castello per una speciale visita, guidati dall’arch. Frank Ruggiero, responsabile del restauro in corso.

FrancesiIncontroSindacoECastello

Disponibile la bozza delle Indicazioni nazionali per il Sistema dei Licei


<!–Le Indicazioni nazionali degli obiettivi specifici di apprendimento per i licei rappresentano la declinazione disciplinare del Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione dei percorsi liceali. Nella redazione delle Indicazioni, così come è avvenuto per il Profilo, si è fatto riferimento a quanto stabilito dal Processo Europeo di Lisbona e si sono definite delle linee guida che possano costituire un riferimento preciso per il lavoro degli insegnanti, valorizzandone al tempo stesso il necessario apporto personale e professionale.
A breve sarà accessibile un’area dedicata a raccogliere i commenti sulle Indicazioni nazionali.

–>Le Indicazioni nazionali degli obiettivi specifici di apprendimento per i licei rappresentano la declinazione disciplinare del Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione dei percorsi liceali.
Nella redazione delle Indicazioni, così come è avvenuto per il Profilo, si è fatto riferimento a quanto  stabilito dal Processo Europeo di Lisbona e si sono definite delle  linee  guida  che possano costituire un riferimento preciso per il lavoro degli insegnanti, valorizzandone al tempo stesso il necessario apporto personale e professionale.
La redazione di questa bozza è frutto di un lavoro svolto da un gruppo tecnico formato da Sergio Belardinelli, Giorgio Bolondi, Giorgio Chiosso, Max Bruschi, Paolo Ferratini, Gisella Langé, Andrea Ragazzini, Luca Serianni, Elena Ugolini e Nicola Vittorio, che ha coinvolto personalità del mondo accademico, della cultura e della scuola.
Il prossimo passo consisterà nell’avviare una vasta consultazione che coinvolgerà associazioni professionali e disciplinari, esperti, accademici, sindacati, insegnanti, forum dei genitori, forum degli studenti e la pubblica opinione, anche attraverso il sito “nuovilicei.it” (già sperimentato durante la stesura del regolamento).
La raccolta dei pareri e la loro valutazione ai fini della redazione definitiva  delle Indicazioni nazionali  saranno curati da una Commissione appositamente nominata dal Ministro, che ha già validato la presente bozza.
Una volta emanato il Regolamento, la Commissione si occuperà di altre due fasi: la prima riguarderà la raccolta e la verifica di curricula dettagliati sulle discipline o su singoli aspetti  del percorso (ad esempio un curriculum sulla scrittura che coinvolga tutte le discipline), i quali  potranno essere proposti da associazioni  professionali, disciplinari, Enti, Università, insegnanti e scuole e saranno raccolti in un archivio digitale.
La seconda  fase riguarderà la revisione e l’armonizzazione delle Indicazioni nazionali del primo ciclo di istruzione.

Si è scelto di orientare la stesura delle Indicazioni secondo un modello che non indulgesse a tecnicismi e  fosse accessibile all’intera comunità scolastica. Per ogni materia è stato redatto un profilo generale che comprende una descrizione delle competenze chiave  e prosegue con  la descrizione degli obiettivi specifici di apprendimento, articolati per nuclei disciplinari relativi a ciascun biennio e al quinto anno. Tali obiettivi sono stati calibrati anche alla luce dei quadri di riferimento previsti dalle rilevazioni  nazionali e internazionali sugli apprendimenti e  tenendo conto dei loro risultati,  con lo scopo di intervenire sulle aree critiche  evidenziate.  L’obiettivo è far sì che lo studente, al termine del percorso liceale, sia in possesso delle conoscenze, delle abilità e delle competenze indispensabili per il proseguimento degli studi superiori e per continuare ad imparare e ad aggiornare le proprie conoscenze  lungo tutto l’arco della sua vita.
Aver identificato i nuclei essenziali delle discipline lascerà un ampio margine alla libertà delle istituzioni scolastiche e dei docenti, per poter progettare percorsi scolastici innovativi e di qualità, tarati sulle esigenze di ciascun istituto, di ciascuna classe e di ogni studente.
Si tratta di un decisivo cambio di rotta, che mira a superare l’astratto enciclopedismo, a tutelare la libertà di insegnamento, ma soprattutto a garantire allo studente una preparazione solida e fondata sulla consapevolezza critica.

Qui il link per le bozze, disciplina per disciplina

Indicazioni%20nazionali_1503.zip

Fame d’amore: affrontare e gestire i disturbi della psiche


Affrontare e gestire i disturbi della psiche: il 20 marzo, nell’aula magna Francesco Alviti del Liceo, dalle ore 8.15 alle ore 11.40, si terrà la proiezione del Film “Briciole”, nell’ambito del progetto di Educazione alla salute, previsto dal Piano dell’Offerta Formativa. Il cineforum si svolge in collaborazione con  l’Associazione Culturale di Volontariato Mnemosine di Vallecorsa, che ha dato avvio al Progetto MenteLocale, un’iniziativa che propone la riflessione sui temi della salute mentale, con gli obiettivi di far parlare di argomenti come quelli del disagio psicologico e di combattere lo stigma legato alle problematiche mentali, per diffondere un nuovo modo di pensare, affrontare e gestire i disturbi della psiche, che ribadisca il no alla manicomializzazione, sancito 31 anni fa dalla Legge n. 180/78. Al termine, due importanti interventi: quello della Dott.ssa Florinda Caprio, psicologa e psicoterapeuta, e quello del Prof. Filippo Viola, sociologo e docente di Sociologia presso la Facoltà di Sociologia, Università La Sapienza di Roma.

Liceo: destinazione Europa


Due classi impegnate nello stage di spagnolo a Salamanca, altre due nello scambio con gli allievi del College di Plouzané, città gemellata con Ceccano. Un’altra classe a Cambridge per il Comenius insieme ad altri 5 istituti scolastici del Belgio, della Germania, dell’Olanda e della Gran Bretagna, e ancora 12 classi impegnate a Londra per uno stage in lingua inglese.  Partono mercoledì 17 marzo le attività di scambio e di stages linguistici del Liceo di Ceccano. I primi a partire saranno gli allievi di IV e V linguistico che per una settimana frequenteranno un Liceo di Salamanca con corsi di lingua spagnola al mattino e di pomeriggio avranno esperienze di comunicazione linguistica nel territorio: Sempre mercoledì 17 alla sera arriveranno a Ceccano gli allievi del College di plouzané in bretagna, ospiti delle famiglie della I e II B linguistico. Saranno nella cittadina fabraterna per una settimana, coinvolti in una serie di attività, di visite guidate nel territorio e di lezioni a scuola, altre alla vita familiare, elemento decisivo nella comunicazione linguistica. In aprile poi due iniziative per l’Inghilterra. Gli allievi di I e II, 86 in tutto, saranno ospiti in un college, e frequenteranno i corsi di inglese suddivisi per livelli di competenza. Nello stesso periodo la classe IV B parteciperà al Comenius Metamorphosis insieme a, per il Belgio, il Sint-Lodewijkscollege di Bruges, per la Germania l’Humboldt Gymnasium di Treviri, per la Gran Bretagna The Perse School for girls di Cambridge, e per l’Olanda l’Elde College di Schjindel. La  settimana di studio, che vede tutte le scuole partecipanti impegnate a riproporre le idee di Ovidio nella società contemporanea, prevede una serie di laboratori, di incontri con una lingua di comunicazione per tutti, l’inglese. Infine, le classi I e II B del linguistico saranno in Bretagna a partire dal 26 aprile.

Langue il sangue: donalo!


sangueIl sangue langue, mentre un piccolo gesto può contribuire a salvare una vita. Continuano al Liceo di Ceccano le donazioni di sangue: martedì 16 marzo 2010,  studenti maggiorenni e professori, in appositi ambienti predisposti per loro, doneranno il sangue, nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione del centro trasfusionale dell’ospedale di Frosinone. Sono circa 40 gli studenti del liceo fabraterno che hanno dato la loro disponibilità ad un gesto d’amore che è tra i più semplici e tra i più importanti che una persona possa fare. La donazione del sangue è un atto di solidarietà che rende partecipi di una grande forza collettiva, quella di tante persone che mettono in condizione gli ospedali e i servizi sanitari di garantire farmaci e cure alle persone colpite da gravi malattie. Nel Liceo di Ceccano, il coordinamento dell’iniziativa è dei professori Nicolina Loffredi  e Saulo Lombardi, che  hanno fatto da referenti per il centro trasfusionale di Frosinone, rendendo così possibile la partecipazione dei ragazzi e la giornata trasfusionale che ci sarà appunto domani. Gli insegnanti hanno provveduto a sensibilizzare i ragazzi, raccogliendo così i frutti di un lungo lavoro preparatorio che è consistito anche in uan serie di attività di educazione alla salute..  Insieme agli allievi, doneranno il sangue anche diversi professori. Così per un giorno, le aule del Liceo fabraterno diventeranno il manifesto della solidarietà vera e concreta, non espressa soltanto a parole ma con un visibile gesto d’amore.