Una droga tira l’altra, l’incontro a Fiuggi


ancda

di Qazim Xhahysa,  II E

Io, Qazim,  sono un alunno della classe 2E la quale assieme alla classe 2C  il giorno Sabato 12 Gennaio è andata a visitare il centro  ANCDA (Associazione Nazionale contro il Disagio e l’ Alcolismo) di Fiuggi per avere dei chiarimenti e sentire delle testimonianze sugli effetti  dell’ uso di droga e alcol. Una volta arrivati abbiamo avuto a malapena il tempo di ammirare il bel paesaggio (infatti il centro si trova in una zona ricca di vegetazione e alte colline) che ci hanno fatto entrare in una sala munita di proiettore e abbiamo cominciato a parlare dell’ alcol e dell’ uso improprio che se ne fa, soprattutto tra i giovani, ci hanno fatto vedere dei video sugli effetti che l’ alcol ha su corpo e mente umana, effetti spiegati da esperti medici. Nel video assieme alla spiegazione apparivano a volte immagini spesso crude di trapianto di fegato e fegato cirrotico, immagini che colpiscono e fanno ragionare molto. A seguito abbiamo sentito le testimonianze di persone in cura all’ ANCDA per alcolismo, tossicodipendenza e problemi alimentari (come la bulimia). Faceva risalto una cosa comune che tutti i tossicodipendenti ribadivano, cioè tutti loro avevano cominciato più o meno all’ età di quattordici anni con il primo spinello e a causa del fatto che “una droga tira l’ altra” avevano finito per assumere cocaina, crack ed eroina. Abbiamo sentito anche la testimonianza di una donna malata di bulimia e ci hanno fatto vedere un video sullo spinello che potete trovare qui

Il momento più emotivamente intenso della giornata è comunque stato la visione del video sull’ effetto dell’ alcolismo in famiglia, o meglio ci hanno fatto vedere la storia di una famiglia che aveva il padre alcolista e di conseguenza costui maltrattava la moglie e dimostrava poco affetto (anche se in realtà ne aveva molto) ai figli, e la figlia ad un certo punto cominciò ad andare dalla psicologa perché a causa di questa dolorosa situazione cominciò a sentirsi male psicologicamente, quando il padre capì che la “malattia” della figlia adolescente era causata dal suo comportamento di genitore irresponsabile in famiglia, giurò che non avrebbe mai più bevuto alcol e a distanza di poco tempo, raccontano i figli, è diventato da nemico numero uno della famiglia e della casa, un padre da imitare, dolcissimo e responsabile. In seguito abbiamo sentito la testimonianza di madri che avevano scoperto la tossicodipendenza del figlio e che purtroppo poco potevano fare per il ragazzo se non soffrire dentro di sé. Abbiamo visto infine due video, uno su un esperimento sugli effetti dell’ alcol alla guida e l’ altro sulla storia della creazione del logo del centro ANCDA, una farfalla che vola verso il cielo.

L’ esperienze è stata toccante, soprattutto per le testimonianze. Io sinceramente ho sempre avuto le idee molto chiare su droga e alcol, ma parlare e domandare personalmente a persone che sono state o sono ancora tossicodipendenti e ben diverso che leggere notizie sulla droga su internet.

Visitare il centro ANCDA di Fiuggi è un esperienza che consiglio!

Qui tutte le info http://www.ancda.it/

Pubblicato il 17 gennaio 2013, in Studenti con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: