Archivi Blog

Quando fai uno scambio… diventi parte di una famiglia


ham

Sono stati una settimana ad Amburgo, ospiti delle famiglie tedesche della Otto Hahn Schule. I ragazzi del Liceo sono tornati felici di un’altra bella esperienza internazionale. Ecco le impressioni di Eleonora Del Duca, IV B

Una settimana in terra tedesca. Una settimana ad Amburgo per conoscere o, semplicemente, vivere un’esperienza che ti riempie la mente di splendidi ricordi e il cuore di gioia infinita. Anche se questo, per me, è il quarto scambio che intraprendo, ogni volta è come la prima. Sempre gli stessi dubbi: “ma come sarà la famiglia? Mi adatterò al loro stile di vita? E se non dovessi piacergli?” e sempre la stessa voglia di partire, salire sull’aereo e goderti il volo. Eppure, dopo che sei atterrato, dopo che hai ricevuto il messaggio della compagnia telefonica che ti avverte che sei in Germania, dopo aver preso la valigia e dopo aver oltrepassato la porta, ogni paura sparisce e ti viene da pensare “diamo il via a questa nuova avventura!”.  Abbracci il tuo corrispondente che ti chiede, in un’altra lingua, come è stato il viaggio e se stai bene. E tu vorresti soltanto dire che stai una favola e grazie o, come si dice in tedesco, danke. Il viaggio dall’aeroporto alla casa del corrispondente è la parte che preferisco: hai modo di guardare il paesaggio e mettere a confronto il tuo Paese e quello dove sei ora. E mentre guardi fuori dal finestrino, vogliosa di uscire e conoscere, sei già nella tua nuova casa ad incontrare la tua nuova mamma, il tuo nuovo papà, i tuoi nuovi nonni. Perché, quando fai uno scambio, diventi parte di una famiglia.

Porti dentro i bagagli e si va, si esce, vai a scoprire la tua nuova città. Ma appena metti un piede fuori casa, rimpiangi il clima di casa tua. Ma non importa, ti senti pronto e carico per visitare quella nuova città e ne rimani incantata.ham2 Tanto poi, al clima, uno ci si abitua. La notte è la parte più dura. Non si riesce mai a prendere sonno, a meno che non si è distrutti. Siamo così abituati al nostro cuscino e al nostro materasso, che quando ti metti in un letto nuovo ti sembra scomodo e non riesci a rilassarti. E appena ti addormenti, suona la sveglia e si riparte, un nuovo giorno, made in Hamburg! Esci, prendi l’autobus, prendi la metro, arrivi al luogo dell’appuntamento, visiti dei luoghi che non ti immagineresti mai e poi via, si riesce, si esce per la città, italiani e tedeschi insieme per delle strade sconosciute. E rimani con gli occhi spalancati, meravigliata delle nuove cose che stai guardando.

Una nuova vita, solo per una settimana. Troppo poco per abituarsi, abbastanza per affezionarsi a persone diverse da te. Il tuo corrispondente ormai non è più un ragazzo che ti ha concesso un luogo dove alloggiare; diventa un fratello, un amico fidato al quale confidi tutto, con il quale la sera ti metti a parlare invece che dormire. Tutte queste emozioni, tutti questi legami, tutte queste “nuove vite” andrebbero vissute da ognuno di noi e quindi abbiate coraggio e accettate di partire, di farvi tanti problemi, di farvi divorare dalla paura di prendere l’aereo, di sentire la mancanza dei propri amici e dei propri familiari, di accettare una nuova famiglia che ti vorrà bene come un figlio.

Abbiate coraggio e concedetevi di fare nuove esperienze, di aprire i vostri orizzonti e di conoscere una nuova lingua. Fatelo per voi stessi e per nessun altro. Almeno, avrete qualcosa in più da raccontare ai vostri nipoti.

Eleonora Del Duca, IV B

Destinazione Europa, si parte per Amburgo


CasparDavidFriedrichPartono stamane per Amburgo i ragazzi impegnati nello scambio linguistico con la Otto Hahn Schule della città anseatica. Si tratta della seconda parte dell’iniziativa che ha visto a Ceccano nel mese di giugno i ragazzi tedeschi, ospiti delle famiglie degli allievi italiani. Ora è il momento della reciprocità e i ragazzi italiani raggiungeranno la città stato dell’Elba. Il programma prevede una fitta serie di appuntamenti, con la visita di Berlino e Lubecca, oltre i luoghi più significativi di Amburgo, St. Michael kirche, l’Elbe Hafen, i bacini dell’Alster, la galleria d’arte, con hamburg stadtle bellissime stanze dedicate al più importante dei pittori amburghesi, Caspar David Friderich e soprattutto potranno confrontarsi con un sistema di vita di una città estremamente organizzata in ogni suo aspetto. I ragazzi sono accompagnati dalle prof.sse Vivoli e Tennenini.

Lo scambio con la Otto Hahn Schule di Amburgo è il primo appuntamento di destinazione Europa, che vedrà le classi del Liceo alla fine di ottobre ad Avignone in Francia, poi ospitare in novembre i ragazzi francesi di Brest e Plouzané, poi in primavera nelle capitali europee, e poi a studiare le lingue in Spagna e in Inghilterra, e poi in Bretagna per la seconda parte dello scambio.

Tante opportunità per aprire la mente!

Questo slideshow richiede JavaScript.