Archivi Blog

Amici del vero bene dei nostri allievi



Dalle «Lettere di san Giovanni Bosco, nel giorno della sua Memoria, 31 gennaio

Se vogliamo farci vedere amici del vero bene dei nostri allievi, e obbligarli fare il loro dovere, bisogna che voi non dimentichiate mai che rappresentate i genitori di questa cara gioventù, che fu sempre tenero oggetto delle mie occupazioni, dei miei studi, del mio ministero sacerdotale, e della nostra Congregazione salesiana. Se perciò sarete veri padri dei vostri allievi, bisogna che voi ne abbiate anche il cuore; e non veniate mai alla repressione o punizione senza ragione e senza giustizia, e solo alla maniera di chi vi si adatta per forza e per compiere un dovere.

Quante volte, miei cari figliuoli, nella mia lunga carriera ho dovuto persuadermi di questa grande verità! E’ certo più facile irritarsi che pazientare: minacciare un fanciullo che persuaderlo: direi ancora che è più comodo alla nostra impazienza e alla nostra superbia castigare quelli che resistono, che correggerli col sopportarli con fermezza e con benignità. La carità che vi raccomando è quella che adoperava san Paolo verso i fedeli di fresco convertiti alla religione del Signore, e che sovente lo facevano piangere e supplicare quando se li vedeva meno docili e corrispondenti al suo zelo. Difficilmente quando si castiga si conserva quella calma, che è necessaria per allontanare ogni dubbio che si opera per far sentire la propria autorità, o sfogare la propria passione. Leggi il resto di questa voce

Concilio, tante finestre di discussione


di Riccardo Del Piano

Senza dubbio ha lasciato il segno l’incontro avvenuto tra il prof. Cereti e gli alunni del Liceo di Ceccano, giovedì 8 novembre, durante il quale si è a lungo discusso sull’ importanza storico-sociale, oltre che religiosa, del Concilio Vaticano II. 
L’ausilio di risorse multimediali ha stimolato l’attenzione degli studenti per quello che è stato senza dubbio uno degli eventi più importanti nella Storia del XX secolo, per ciò che il Concilio ha rappresentato non solo per la Chiesa, ma per il Mondo in generale.
L’ incontro si è rivelato ancora più produttivo grazie alla partecipazione attiva degli studenti le cui domande hanno riguardato argomenti quali la gestione dei beni della Chiesa; un confronto tra quella che è la Chiesa odierna e la Verità del Cristianesimo Puro, quello degli Apostoli, dei primi cristiani, fino alle curiosità riguardanti i rapporti interreligiosi del Vaticano.
Un evento senza dubbio interessante e stimolante, che ha lasciato aperte numerose finestre di discussione.
Proprio a proposito di finestre, Gianni Gennari, vaticanista della Rai e de La Stampa, ha apprezzato molto l’iniziativa del Liceo di Ceccano sul Concilio Vaticano II, inviando i suoi complimenti agli organizzatori e ai ragazzi. Ha anche inviato alcuni suoi interventi sulle novità del Vaticano II. Li riportiamo di seguito1. Sul Concilio Vaticano II, primo scritto, 28 gennaio 2011

2. Sul Concilio, 6feb 2012

3. sul Concilio

4. sul Concilio

5. quinta puntatasulle novità del V. II

Al Liceo si parla di Concilio


Cambiò la Chiesa ma cambiò anche il mondo: l’intuizione di Giovanni XXIII in quei terribili anni di guerra fredda, di minaccia termonucleare, apparve come un raggio di speranza per tutti gli uomini. Vescovi da tutto il mondo si riunirono a Roma, nella Basilica Vaticana trasformata in aula conciliare, quell’11 ottobre del 1962. Nella sera, l’Azione Cattolica organizzò una fiaccolata cui Giovanni XXIII rispose con il suo discorso alla luna.  In occasione dei 40 anni dall’apertura del Concilio Vaticano II, gli studenti del Liceo si confronteranno con professori universitari ed insegnanti per comprendere quanto quell’evento abbia cambiato il mondo e la chiesa. Parteciperanno il prof.  Giovanni Cereti, docente di ecumenismo nelle università pontificie, ed Elisabetta Perissinotto, esperta in ecumenismo. L’iniziativa è dei docenti del dipartimento di storia. L’appuntamento è per le 10 di giovedì 8 novembre, nell’aula magna Francesco Alviti, al Liceo di Ceccano