Archivi Blog

Prendere appunti, un’arte


Pierluigi Fratarcangeli ci dà, coem sempre, degli ottimi suggerimenti per studiare meglio

 L’arte di prendere appunti: le abbreviazioni

A cosa serve prendere appunti?
Molti studenti ritengono che prendere appunti sia una perdita di tempo, perché “le stesse cose sono scritte sul libro” (che spesso non viene aperto). Di conseguenza si evita di prendere appunti oppure lo si fa in modo svogliato, superficiale.
In realtà prendere appunti è un momento fondamentale dello studio, un preludio alla riuscita degli esami o delle interrogazioni. E’ stato dimostrato che provare a memorizzare gli appunti subito dopo una lezione, utilizzando pochi minuti, rafforza gli apprendimenti, aumenta la comprensione dello studio sul libro o manuale, ridimensiona molto i tempi di studio.

Studia con successo, prendere appunti


  ci dà un altro interessante suggerimento sul metodo di studio

Prendere appunti è un’importantissima abilità attraverso cui selezioniamo, registriamo e cataloghiamo informazioni che riteniamo rilevanti per il nostro studio. Possiamo prendere appunti in varie circostanze: mentre assistiamo a lezioni (spiegazioni in classe, seminari, conferenze, laboratori, workshop), mentre leggiamo dei libri, mentre studiamo, mentre organizziamo il nostro ripasso.
 A questo proposito, una tecnica che merita particolare attenzione per la sua efficacia e per l’ampia possibilità di utilizzo è il METODO CORNELL, conosciuto anche comeMETODO 6R. Si tratta di un metodo elaborato nel 1989 da Walter Pauk, docente nell’università di Cornell, e successivamente utilizzato in tutto il mondo.
Apprendere il metodo Cornell è piuttosto facile e consente agli studenti di utilizzarne i benefici fin da subito, applicandolo anche insieme ad altre tecniche (come ad esempio la creazione di mappe).
e qui la dispensa con tutte le spiegazioni: Dispensa metodo cornell