Archivi Blog

A scuola di cuore


 

Oltre 200 ragazzi del Liceo di Ceccano  e diversi professori saranno sottoposti, dal 29 maggio al 5 giugno, ad un controllo cardiologico nell’ambito dell’iniziativa “A scuola di cuore” per la campagna destinata ad evitare la morte cardiaca improvvisa dei giovani.

Il Liceo è stato duramente colpito due anni fa per la scomparsa di Gianmarco Imola, che avrebbe frequentato la V F, stroncato da un infarto cardiaco, mentre era in vacanza al mare. In sua memoria, l’istituto  fabraterno  ha rafforzato le iniziative di prevenzione medica, all’interno delle quali si inserisce l’iniziativagianmarco che si svolgerà insieme alla Società Italiana di cardiologia L’iniziativa si svolge in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e rientra nel progetto “A scuola di cuore” – promosso dal MIUR, dalla Società Italiana di cardiologia (SIC) e dalla Fondazione Cuore e Circolazione. in particolare  lo screening cardiologico, consistente in un controllo elettrocardiografico rivolto a studenti delle classi delle istituzioni scolastiche secondarie di II grado , è stato promosso e realizzato concretamente dalla Fondazione Italiana Cuore e Circolazione, il cui presidente è il prof. Francesco Fedele, Capo dipartimento di scienze cardiovascolari e respiratorie dell’Università la Sapienza di Roma .

defibProprio in relazione a questo progetto il Liceo si è dotato, con l’aiuto concreto della società civile, di un defibrillatore, già attivo, con tanto di operatori regolarmente dotati del necessario patentino. A scuola di cuore fa parte di tutta una serie di attività che il Liceo dedica all’educazione alla salute: al controllo cardiologico si affiancano infatti  quelli per la prevenzione tumorale, quelli podologici e posturali, insieme ai tradizionali controlli della vista, l’educazione alimentare, le attività di pronto soccorso, insomma tutto ciò che può essere necessario in una comunità educante che raccoglie 700 studenti e le loro famiglie, 60 professori, 20 operatori scolastici e tutti coloro che con il Liceo di Ceccano collaborano. L’organizzazione di A scuola di cuore   è stata curata dal prof. Lombardi, responsabile dell’educazione alla salute.

Un corso per salvare la vita: il patentino BLSD per il defibrillatore, in ricordo di Gianmarco


defCi sono ancora 4 posti disponibili per chi voglia conseguire il patentino per l’utilizzo del defibrillatore, la cosiddetta certifcazione BLS-D che consente di imparare ad utilizzare correttamente un defibrillatore e così salvare la vita a chi venga colputo da un infarto. Il liceo è infatti dotato di un defibrillatore, messo a disposizione dall’Associazione cacciatori di Ceccano ed ogni anno provvede all’addestramento di studenti maggiorenni e di professori che siano disponibili, in modo da assicurare sempre la presenza gianmarconell’edificio scolastico di personale che possa intervenire immediatamente e prestare i soccorsi necessari. Il corso è svolto in collaborazione con la Società Italiana di cardiologia e con la fondazione italiana Cuore e circolazione.

La prevenzione cardilogica al Liceo è svolta sempre in ricordo del carissimo Gianmarco Imola.

Il corso avrà luogo al Liceo il 15 marzo prossimo.

Chi fosse interessato a partecipare al corso per il conseguimento del patentino BLS-D può inviare una mail a fiorelli.fabiola@liceoceccano.com oppure a langiu.fabio@liceoceccano.com

 

A scuola di cuore, in memoria di Gianmarco


Oltre 200 ragazzi del Liceo di Ceccano  e diversi professori saranno sottoposti, lunedì 14 gennaio, ad un controllo cardiologico nell’ambito dell’iniziativa “A scuola di cuore” per la campagna destinata ad evitare la morte cardiaca improvvisa dei giovani.

Il Liceo è stato duramente colpito la scorsa estate per la scomparsa di Gianmarco Imola, alunno della IV F, stroncato da un infarto cardiaco, mentre era in vacanza al mare. In sua memoria, l’istituto  fabraterno  ha rafforzato le iniziative di prevenzione medica, all’interno delle quali si inserisce l’iniziativa di lunedì che è svolta insieme alla Società Italiana di cardiologia controllo  ha riguardato gli allievi degli ultimi due anni del corso liceale, in particolareim10 quelli che non partecipano ad attività agonistica e quindi non hanno controlli medici. L’iniziativa si svolge in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e rientra nel progetto “A scuola di cuore” – promosso dal MIUR, dalla Società Italiana di cardiologia (SIC) e dalla Fondazione Cuore e Circolazione. in particolare  lo screening cardiologico, consistente in un controllo elettrocardiografico rivolto a studenti delle classi delle istituzioni scolastiche secondarie di II grado , è stato promosso e realizzato concretamente dalla Fondazione Italiana Cuore e Circolazione, il cui presidente è il prof. Francesco Fedele, Capo dipartimento di scienze cardiovascolari e respiratorie dell’Università la Sapienza di Roma .

defibProprio in relazione a questo progetto il Liceo si è dotato, con l’aiuto concreto della società civile, di un defibrillatore, già attivo, con tanto di operatori regolarmente dotati del necessario patentino. A scuola di cuore fa parte di tutta una serie di attività che il Liceo dedica all’educazione alla salute: al controllo cardiologico si affiancheranno infatti  quelli per la prevenzione tumorale, quelli podologici e posturali, insieme ai tradizionali controlli della vista, l’educazione alimentare, le attività di pronto soccorso, insomma tutto ciò che può essere necessario in una comunità educante che raccoglie 730 studenti e le loro famiglie, 60 professori, 20 operatori scolastici e tutti coloro che con il Liceo di Ceccano collaborano. L’organizzazione di A scuola di cuore   è stata curata dal prof. Lombardi, responsabile dell’educazione alla salute.

 

 

Al cuor non si comanda


Il Liceo parteciperà al convegno al Cuor non si comanda che si svolgerà il 14 settembre a Casamari. Si tratta di una iniziativa della Fondazione Italiana Cuore e Circolazione per la prevenzione delle morti improvvise dei giovani.

Saranno presenti gli allievi e i prof che hanno conseguito l’abilitazione all’uso del defribillatore nella scuola e quelli che lo conseguiranno nel corso dell’anno.

Ecco il programma del convegno