Archivi Blog

10 anni di facebook, dibattito al Liceo


10 anni di facebook manifestoIl 4 febbraio 2014 Facebook compie dieci anni. Un compleanno che non può passare inosservato perché Facebook è parte della vita di oltre un miliardo di persone. Il social network lanciato da un gruppo di studenti in un dormitorio di Harvard il 4 febbraio 2004 è diventato una multinazionale con più di un miliardo di clienti. Mark Zuckerberg preferisce chiamarli utenti, ma tutti sanno che Facebook rivende i dati personali degli iscritti alle aziende pubblicitarie. È il nucleo del suo business e in questo non c’è alcunché di male. Ma facebook riveste un ruolo importantissimo nella vita degli adolescenti.  Molti di loro passano tantissimo tempo sulle pagine di facebook e qualche volta questo conflige con lo studio e con altri interessi dei ragazzi. Tante le discussioni a scuola e in famiglia.

Per questa ragione, martedì 4 febbraio  ci sarà un dibattito tra gli stessi allievi del Liceo fabraterno, secondo la tecnica del debate, tanto in voga nelle scuole anglosassoni: una classe, la IV D, ha preparato due squadre, una di sostenitori e l’altra di detrattori del social network più famoso al mondo. Le due squadre si affronteranno sul palco dell’Aula Magna Francesco Alviti alle 10 di martedì mattina: il pubblico sarà costituito dagli altri studenti, che naturalmente potranno intervenire nel dibattito. Facebook, sì;  Facebook no! Vedremo chi l’avrà vinta.

Twitta la memoria, scrivi il soggetto di un film sulla Shoah


giornata-memoriaQueste le due proposte del Liceo di Ceccano ai suoi allievi per la celebrazione della Giornata della Memoria 2013.

Un concorso con due sezioni: la scrittura del soggetto di un cortometraggio, con un massimo di 20 righe; un tweet da inviare a @liceoceccano in cui sintetizzare il proprio pensiero sulla Shoah. Si tratta di due modalità molto vicine al modo di ragionare dei ragazzi e che possono quindi stimolare la loro riflessione insieme alla creatività.

Si tratta di modalità anche complicate: nella scrittura del soggetto infatti il limite delle 20 righe richiede forte capacità di sintesi e di espressione. Il tweet invece vuole lanciare la sfida intellettuale per capire se i cinguettii del diffuso social network, utilizzato oggi fortemente anche nella comunicazione istituzionale e politica, possano diventare anche inviti alla  riflessione.

Il tema della Shoah pone talmente tanti interrogativi, offre spunti a non finire tali da poter efficacemente interrogare la coscienza dei ragazzi e dei loro insegnanti.

Il termine per la presentazione dei soggetti (per posta elettronica a liceoceccano@gmail.com) o l’invio dei tweets a @liceoceccano è domenica 27 dicembre, Giornata della Memoria